La nostra filosofia

La filosofia del nostro gruppo

Il naturismo è una filosofia, uno stile di vita, un approccio alla realtà, una chiave di lettura ed una visione del mondo.

Punto nodale di questa filosofia è l’uomo e la sua salute psico-fisica nel pieno rispetto dell’ambiente in cui egli vive. “…la salute fisica e psichica è la prima scelta del naturista” (L. Paoletti). La salute di un individuo, in questo senso, è il risultato di una serie di interazioni che coinvolgono non solo l’ambiente in cui si vive ma anche l’alimentazione, l’attività lavorativa (ed in particolare i ritmi di lavoro), la psiche, ed infine tutte quelle abitudini che definiamo “non salutari”.

Il risultato perseguito è quello di un miglioramento reale della qualità della vita opposto al miglioramento fittizio proposto dal modello sociale in cui tutti viviamo. Quest’ultimo, difatti, con la sua frenesia di produrre e consumare oggetti che invecchiano rapidamente (filosofia dell’usa e getta), ha effetti devastanti sull’intero ecosistema umano.

Ecco perché il naturista a) dovrebbe impegnarsi per la difesa dell’ambiente, b) cerca di seguire una corretta alimentazione rifuggendo da additivi e conservanti, c) cerca di correggere, ove possibile, abitudini non salutari (sedentarietà, fumo etc.), d) evita o riduce quegli atteggiamenti, tipici della società consumista, che mirano a produrre una disumanizzazione sia di chi fruisce del prodotto (tutti noi consumatori) sia di chi, con il suo lavoro, confeziona il prodotto (manodopera sottopagata, sfruttata o tenuta in condizioni di non sicurezza), e) cura il suo corpo cercando un equilibrio psicofisico globale, mantenendo uno stretto contatto con l’ambiente naturale e spogliandosi dai vestiti visti come fonte di stress e di obblighi/etichette sociali. Quanto elencato, infatti, ha conseguenze dirette o indirette sulla salute dell’individuo. Quanto elencato e altresì parte integrante del nostro Manifesto

Tre sono quindi gli aspetti su cui la filosofia naturista tiene desta l’attenzione:

  • Il TEMPO, inteso come un riappropriarsi di ritmi di vita più umani e più legati ai tempi naturali. Al “sempre più veloce” replichiamo con l’elogio della lentezza, al “fast food” contrapponiamo lo “slow food”, alla “fast information” rispondiamo con la riflessione, la meditazione e gli approfondimenti di studio. Non proponiamo l’abbandono della tecnologia ma suggeriamo un uso consapevole di essa.

  • L’ALIMENTAZIONE, LA SALUTE, LA NUDITÀ; scegliamo di ridurre i cibi eccessivamente manipolati o trattati con sostanze chimiche, cerchiamo di evitare quei prodotti che hanno un alto impatto ambientale. Cerchiamo di ridurre anche i consumi di quanto non ci sembra in linea con una produzione attenta all’ambiente e ai lavoratori impiegati nella produzione. Proponiamo la nudità come strumento di recupero della propria individualità oltre le maschere e i ruoli imposti dalla società. Prospettiamo i bagni di aria, sole, acqua, reinserendo l’individuo nel suo ambiente, riabituandolo alle escursioni termiche e auspicando un recupero dell’attività ginnica. Reagiamo agli abusi della moda e vediamo, nei costumi da bagno, un tipico esempio di falso bisogno imposto dalle industrie tessili.

  • L’AMBIENTE, inteso come ecosistema globale terrestre. Siamo attenti ad un utilizzo consapevole di risorse non rinnovabili quali acqua, aria, terra. Consigliamo l’uso di energia alternativa (solare, eolico etc.). Lottiamo contro i consumi inutili, proponendo il riciclo, il riuso, la riparazione anziché la sostituzione, la produzione di beni durevoli.

Nell’alveo di tali tracce si fissano i progetti di Sicilia Naturista che hanno, come limiti, solo la fantasia e la disponibilità dei suoi associati.

Lascia un commento