Porto Ferro prima spiaggia naturista dell’Isola: l’ok dal Consiglio di Sassari

questo nonostante il naturismo sia praticato in Italia da mezzo milione di persone e da circa 20 milioni in Europa, secondo le stime della Federazione naturista italiana.

Tornando alla Sardegna, l’attuale giunta regionale ha messo mano alla questione con la nuova legge sul Turismo, la numero 16 approvata il 28 luglio di un anno fa, prevedendo uno specifico articolo che riguarda “la progettazione e la realizzazione di una rete di aree attrezzate per la pratica del turismo naturista in equilibrio con il contesto ambientale, anche in aree naturali protette”, che dovranno essere segnalate con appositi cartelli e pianificati attraverso i piani di utilizzo dei litorali dei comuni. Provvedimenti simili, prima della legge regionale sarda, erano stati introdotti in Emilia Romagna, Veneto, Piemonte, Abruzzo, Lombardia, Abruzzo, mentre alcuni comuni avevano dato autorizzazione con delibere e ordinanze.

Siamo in attesa che la regione Sicilia emani una legge che regoli il naturismo sulle spiagge siciliane.

La Regione Sardegna, dunque, ha messo per iscritto le norme per regolare questi spazi, e da qui il Comune di Sassari ha deciso di provvedere. E quale area migliore da dedicare alle persone che scelgono di abbandonare abiti, costumi e convenzioni e di vivere nel totale rispetto dell’ambiente, se non quella che da anni è già meta, di fatto, di naturisti da tutto il mondo? Porto Ferro, a due passi da Alghero, incantevole spiaggia protetta da rocce e pineta che

già compare tra le guide turistiche come meta ideale insieme alle spiagge di Cala Fighera a Cagliari, Cala Liscia Ruja della Costa Smeralda, Is Arenas di Narbolia, Piscinas ad Arbus.

Porto Ferro è citata anche sulla ‘Guida naturista italiana’ pubblicata nel 2013 da Edizioni Silvya, mentre la rivista inglese ‘Skyskanner’ l’ha inserita tra le dieci spiagge naturiste più belle d’Europa. Come se non bastasse, questo tipo di frequentazione, ricordano i consiglieri Mereu e Careddu nella mozione presentata ieri in Comune, ha contribuito a preservare l’area, visto che “il turismo naturista si caratterizza e si distingue per l’attenzione alla qualità ambientale, alla conservazione del paesaggio naturale e a tutte le forme di turismo sostenibile a basso impatto”. E dunque, perché non progettare l’area nel modo migliore coinvolgendo tour operator, operatori economici, associazioni e cittadini, e anche il vicino Centro di educazione alla sostenibilità ‘Lago di Baratz’?

I consiglieri hanno approvato all’unanimità: prestissimo un’area di Porto Ferro sarà segnalata e attrezzata per accogliere i naturisti di tutto il mondo.

In Sicilia abbiamo la spiaggia nudista di Torre Salsa, Casello 41, Capo Feto, Marianelli.

Esiste anche una struttura Naturista a Mazara del Vallo in provincia di Trapani, il Physis che in questo periodo organizza varie attività attorno alla piscina e alla zona idromassaggio.

http://www.sardiniapost.it/ambiente/porto-ferro-spiaggia-naturista-dellisola-sassari-approva-allunanimita/