Cartello “NO NUDISMO” a Torre Salsa

Ecco la posizione di Sicilia Naturista riguardo la recente comparsa, a Torre Salsa, di un cartello che “vieta” il nudismo.

Sul forum di Facebook (http://www.facebook.com/topic.php?topic=10212&uid=38870432715) potete indicare cosa ne pensate.

______________________________________________________________
Nudits… nudits…, già l’errore di ortografia in un cartello che vuol guadagnarsi lo scranno dell’ufficialità la dice lunga. O magari il buontempone sperava che, utilizzando una misconosciuta lingua straniera, avrebbe suscitato un timore reverenziale alla pari del latino di un azzeccagarbugli? Mi spiace notare, per l’ennesima volta, la mancanza di professionalità, l’approssimazione e l’ignoranza di chi vorrebbe addirittura “legiferare” su un argomento che ignora al punto tale da non saper neppure come va : nudist o al massimo nudists, certo non nudits.
L’autore, dall’ortografia zoppicante, del cartello comparso a Torre Salsa nei giorni scorsi, farebbe meglio a informarsi su una serie di punti:
1.fare naturismo a Torre Salsa è un diritto in quanto la Legge italiana non vieta espressamente il nudismo. Difatti non si può applicare l’art. 726 del c. p. (atti contrari alla pubblica decenza) perché il naturista “sta” nudo e trovandosi in uno “stato” non compie alcun “atto” ed è agli “atti” che l’articolo 726 si riferisce.
2.esistono numerosi precedenti di assoluzioni ai naturisti denunciati dalla Forza pubblica  (proc. 8130/93, proc. 7279/94), che stabiliscono che il naturismo non è contrario alla legge.
3.Nel marzo 2000 la Corte di Cassazione – Sezione Terza Penale – Presidente Dott. Papadia – con sentenza n. 3557/2000, ha espressamente dichiarato che “E’ evidente che non può considerarsi indecente, ad esempio, la nudità integrale di un naturista in una spiaggia riservata ai nudisti o da essi solitamente frequentata”, chiarendo una volta per tutte che l’art. 726 c.p. non è applicabile al naturismo (praticato a Torre Salsa ed in altre spiagge siciliane fin dagli anni ’70). Analogo pronunciamento rese legale molti anni fa, ad esempio, il topless.
Sulla base di quanto esposto il naturismo è perfettamente legale in un tratto di litorale come quello di Torre Salsa, ed è anzi da considerarsi illegittima ogni denuncia a carico di naturisti.
Il nostro sgrammaticato autore di cartelli, quindi, può mettersi l’animo in pace; avrebbe fatto meglio, piuttosto, ad essere presente, lo scorso maggio, al convegno organizzato da Sicilia Naturista in collaborazione con il comune di Cattolica Eraclea. In quel convegno sono state sottolineate non soltanto le caratteristiche positive del nudo integrale ma sono state messe in evidenza le forti differenze tra il naturismo e tutte le altre espressioni legate ad esperienze parassessuali.
Chi ha piantato il cartello a Torre Salsa si muove solo sulla base di pregiudizi che condizionano e  offuscano i suoi processi neuronali. Si tratta per lo più di vecchi e nuovi pregiudizi che confondono la filosofia naturista o con i movimenti hippy anni 60′-70′ o con i i nuovi modi di vivere la sessualità (scambismo, locali provè, etc.). In realtà il naturismo è tutt’altro ed in questo contesto il nudo è visto come conseguenza naturale di un modo di pensare che vede nel rispetto un cardine fondamentale (rispetto per l’ambiente, per la cultura altrui, per le persone etc.) e che riconosce nella famiglia un mattone fondamentale della società. Chi fosse a conoscenza del vero aspetto del naturismo e chi avesse provato a dare un’occhiata ai camping naturisti esteri (Corsica, Spagna, Francia), si accorgerebbe di quanto i propri pregiudizi cozzino con immagini di donne col pancione, nonni con i nipotini e vecchietti intenti a giocare a bocce. Nessun panorama degno di miss universo, nessuna donna da rivista patinata, nessuno sguardo che tradisca intenzioni goderecce!
Se invece il nostro autore dal burrascoso passato scolastico intende dire che a Torre Salsa sono vietati certi spettacoli a sfondo erotico, bene, allora siamo perfettamente d’accordo con lui! Non sono i naturisti da cacciare ma tutti coloro che travalicano il buon senso ed il rispetto altrui. I naturisti siciliani hanno sempre frequentato Torre Salsa ed hanno contribuito, in collaborazione con il WWF, a tenere pulita (non solo fisicamente) la bellissima spiaggia. La nostra associazione ha promosso e continua a promuovere lo sviluppo turistico ed economico attraverso l’uso intelligente delle risorse. Il turismo ecosostenibile, promosso ed inventato dai naturisti è la vera risposta a chi non vede via alternativa all’emigrazione ed allo sradicamento.
Quali divieti, quali lotte? Cerchiamo piuttosto di comprendere, finalmente, come, dalla frequentazione naturista di Torre Salsa, ci si possa guadagnare tutti, non solo nell’immagine all’estero, ma anche, di converso, nel portafogli.

Marcello Festeggiante, presidente di Sicilia Naturista